Tutti gli articoli di anpiadelebei

IN DIRETTA STREAMING IL 16 MARZO 2021


il 16 marzo 2021, con inizio alle ore 16,30 si svolgerà l’evento organizzato dalla Sezione ANPI Adele Bei della CGIL Nazionale e delle sue strutture affiliate, in collaborazione con ANPI Nazionale e Provinciale di Roma.
Un importante appuntamento che vede la presenza del Segretario Generale della CGIL Maurizio Landini e del Presidente nazionale dell’ANPI Gianfranco Pagliarulo.
Un’occasione di rilievo per testimoniare la nostra solidarietà all’autrice del libro che qualche settimana fa ha subito un’aggressione informatica da parte di un gruppo nazifascista proprio durante la presentazione del suo lavoro: “La generazione del deserto” e per rendervi partecipi di una discussione che affronterà il tema mai sufficientemente sviscerato del fenomeno del razzismo e della base ideologica su cui è basata la cultura fascista e nazista.

scarica la locandina

Liliana Segre tutelata da una scorta. La realtà oltre i peggiori incubi.

Liliana Segre accompagnata da un carabiniere della sua scorta

Da tempo stiamo raschiando il fondo dei valori che ci hanno resi un popolo riscattato dalla vergogna e dal dramma di vent’anni di fascismo. Quello che ha praticato il colonialismo come prova generale per il successivo  passaggio alla “sofisticata” legislazione razziale. Cioè il massimo dell’ignoranza scientifica assunta come ideologia istituzionale e “pedagogica”.
I continui insulti e le minacce a Liliana Segre sfociati nel garantirle la libertà con la tutela di una scorta, rappresentano il peggio di questa fase storica del nostro paese. Stiamo perdendo i “fondamentali” con il rischio che piano piano ci si abitui alla loro mancanza. Questo è il pericolo che corriamo. Quando una testimone dell’orrore dei campi di sterminio è costretta a vivere blindata, vuol dire che si è oltrepassato un limite fino a ieri inimmaginabile. Ed allora bisogna reagire con tutta la forza che la Costituzione nata dalla sconfitta del fascismo e dalla sua espulsione dalla nostra civiltà democratica ci mette a disposizione. E pretendere la sua applicazione rigorosa proprio per arginare l’ondata di nuove manifestazioni, gesti ed organizzazioni che ripropongono, cercando il consenso nella sfiducia nella politica e nelle istituzioni, l’ideologia del nemico da eliminare e della delegittimazione di chi testimonia il livello di degradazione umana che quella cultura è capace di praticare.
Lorenzo Mazzoli